La definizione di terza età rappresentata da uomini di età superiore ai 65  e donne di età superiore ai 60 anni, ormai è in disuso. Oggi il termine anziano non si riferisce più all’età cronologica, ma all’età biologica dell’individuo, intesa come corretto stile di vita, efficienza motoria e quindi salute. L’avanzare dell’età porta con sé inevitabili cambiamenti strutturali e fisiologici a carico del nostro corpo. L’attività fisica e l’esercizio fisico, giocano inevitabilmente un ruolo fondamentale nel prevenire l’insorgenza di determinate patologie ma soprattutto nella possibilità di migliorare il grado di autonomia durante le attività quotidiane. In particolare la mancanza di un adeguata e costante quantità di movimento accentua la progressiva perdita del tono trofismo muscolare (sarcopenia) e del contenuto minerale del tessuto osseo(osteoporosi) tipiche dell età avanzate.

L’attività motoria nella terza età inoltre è mirata a ritardare l invecchiamento e mantenere lo stato di salute.

L’esercizio fisico  per gli anziani:

  • tende a  favorire la “flessibilità” muscolo-scheletrica,
  • migliora la funzione cardio vascolare e respiratoria,
  • migliora la coordinazione, l elasticità e la capacità motoria
  • Corregge la postura globale in persone che, con l avanzare dell età , sono meno “sciolte” nei movimenti aiutando la prevenzione delle cadute

L’obiettivo perseguibile nell’anziano è di renderlo più sicuro nei movimenti, affinché possa essere meno timoroso nello spostarsi non accompagnato. È importante dire che il movimento fa bene a qualsiasi età; è bene praticarlo sempre, in ogni fase della vita,  rispettando i ritmi e le esigenze fisiche adeguate.

L’attività fisica allunga la vita, tiene vivo l’intelletto, favorisce il buon funzionamento di organi e apparati e inoltre è un ottimo antidepressivo. La ginnastica per la terza età dovrà prevedere molti esercizi di stretching, ossia di allungamento muscolare i quali devono essere sempre eseguiti curando la sincronia con gli atti respiratori, fondamentale per un corretto equilibrio psico-fisico. Comprende sia esercizi a corpo libero, sia l’impiego di attrezzi specifici. Inoltre, i soggetti in età avanzata costituiscono un importante “serbatoio di umanità” possono raccontare interessanti storie relative al loro vissuto facendoli sentire utili e conseguentemente bene.

In conclusione l attività fisica nell anziano, deve  rendere la persona capace di effettuare qualsiasi movimento, da ripetere autonomamente nella vita di tutti i giorni, stimolandolo ad acquisire uno schema corporeo e motorio sempre più pronto ed efficace.